“Sono giornate molto impegnative e voglio esprimere un grandissimo ringraziamento a tutti coloro che hanno dato e stanno dando il loro contributo per affrontare questa grave emergenza che ha colpito il Veneto. Ringrazio innanzitutto tutti i tecnici della Regione afferenti alla Direzione Protezione Civile, alla Direzione della Difesa del Suolo, alla Direzione Servizi Forestali, alla Direzione Uffici Periferici, ai Geni civili, ad Arpav, alla Direzione Suem 118, i Vigili del Fuoco, e i Prefetti che mi affiancano nella gestione dell’Unità di Crisi”. Sono le parole che stamattina ha voluto esprimere l’assessore regionale Gianpaolo Bottacin, che “prende ossigeno” dal sole che sta dando un po’ di tregua al Veneto flagellato  dal maltempo. Una regione martoriata e ferita, che silenziosamente sta affrontando danni che sono incalcolabili in questo momento, con precisione. Famiglie che stanno facendo fatica a ritrovare il sorriso guardando come sono ridotte le loro casa costruite con tanto sacrificio.

I loro beni, che vanno dai ricordi di una vita custoditi in cantina a oggetti di uso quotidiano galleggiano ancora in quell’acqua piovana che in alcuni tratti  il terreno è come se facesse fatica ad assorbire. Detriti depositati ovunque e tanta stanchezza per due “giorni di fuoco”, che hanno fatto tremare chiunque. La pioggia è caduta in quantità record, in particolare a Valli del Pasubio e a Velo d’Astico, tanto che questi due paesi dell’Alto Vicentino hanno avuto risalto a livello nazionale per quanto accaduto l’altra notte. Per poco, non c’è scappato il morto e questo va sottolineato perchè per la portata di quanto accaduto, sarebbe potuto accadere. Due donne sono state salvate da due carabinieri, che si sono tuffati nel misto di acqua e fango accumulato nel sottopassaggio di Schio. Hanno guardato la morte in faccia ed hanno provato autentico terrore quando hanno visto l’acqua raggiungere i finestrini dell’auto , da dove sono state salvate dai due militari. Le hanno raggiunte a nuoto, ma le hanno salvate.

“Ringrazio poi i sindaci, il personale tecnico dei comuni e delle Province e i consorzi di bonifica che sono in campo ininterrottamente da ore ed ore. – prosegue Bottacin –  Ringrazio poi tutti i tecnici dei servizi pubblici, anche loro impegnati ininterrottamente e gli operatori delle aziende che sono intervenuti in somma urgenza per il ripristino delle opere danneggiate, con particolare riferimento alle rotture arginali ripristinate a tempo di record. Ma consentitemi un ringraziamento particolare  ai 1501 volontari della Protezione Civile.  Loro infatti lo fanno a titolo gratuito. Lasciano le loro famiglie e corrono ad aiutare chi ne ha bisogno. Quando serve e dove serve. In maniera professionale e con grande preparazione. Grazie ancora a tutti.  Sottolineo l’enorme mole di lavoro e la grandissima tempestività di intervento operata da tutti. Assicuro che non è un coordinamento facile. Grazie. “.

E noi ricordiamo anche i volontari dei vigili del fuoco di Thiene, sempre prontissimi quando c’è bisogno di loro.

Un ringraziamento toccante è stato espresso anche dal sindaco di Monte di Malo Mosè Squarzon, in prima linea e con le mani nel fango in questo momento drammatico per il paese di cui è primo cittadino uscente. Squarzon in questi giorni, ha rappresentato l’emblema dell’amministratore di paese, che nonostante uno stipendio che è poco più di un rimborso, lascia la sua famiglia a casa di notte per “difendere” e “proteggere” il suo territorio. Non un semplice coordinatore, ma un uomo d’azione che si mette alla guida dei mezzi di soccorso, che va a casa della sua gente e che con il suo ruolo istituzionale chiama chi c’è sopra di lui per chiedere aiuto con l’autorevolezza di chi sa governare e ha personalità. Qualcosa di non scontato con la nuova generazione di amministratori che si affaccia all’orizzonte, che in certe occasioni, sembrano più confusi che persuasi, che chissà come avrebbero reagito se quello che è accaduto a Vicenza, Malo, Monte di Malo, Villaverla, Schio, Isola e altri comuni alluvionati, fosse capitato a loro.

Per fortuna non è accaduto. Speriamo non capiti mai più.

di Redazione AltovicentinOnline

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Stampa questa notizia

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.





Source link

La rete #adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana.
Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui