il voucher mutuo è una lettera di concedibilità che viene rilasciata al mutuatario dalla banca con cui quest’ultima indica l’importo di mutuo disposta ad erogare e garantisce la propria disponibilità a concederlo.

Sulla base delle informazioni anagrafiche, reddituali e patrimoniali fornite dal cliente, l’istituto di credito calcola la somma finanziabile e la comunica al cliente, ancor prima che questi abbia individuato l’immobile.

Il voucher mutuo è un documento rilasciato a titolo gratuito e ha una validità di sei mesi.

Il voucher mutuo consente all’aspirante mutuatario di conoscere in anticipo quanto la banca sia disposta a concedergli in finanziamento in modo da cercare casa con la consapevolezza dell’effettiva liquidità di cui potrà disporre per acquistarla.

Oltre a rappresentare, quindi, una sicurezza per il richiedente, il voucher semplifica l’iter di erogazione del mutuo: una volta individuato l’immobile, infatti, il versamento del finanziamento inizierà molto rapidamente, dal momento che tutte le valutazioni preliminari tipiche di questa fase, saranno già state compiute al momento della concessione della lettera di concedibilità.

Voucher mutuo: come richiederlo
Richiedere il voucher mutuo è molto semplice: basta cliccare su richiedi informazioni

[njwa_button id=”315″]

 

Una volta ricevuta la documentazione, e, in caso di esito positivo, si procede al rilascio del voucher mutuo della durata di sei mesi.

Qualora, poi, l’immobile scelto dal richiedente dovesse superare positivamente la perizia di valutazione, l’erogazione del mutuo inizierebbe regolarmente.

In caso di eventuali irregolarità, quali abusi edilizi o accatastamenti non a norma, finanziamento non sarà erogato.

La rete #adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana.
Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui