Il provvedimento è inserito nel decreto Lavoro approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 1 maggio e riguarda l’occupazione giovanile. Andiamo a vedere di cosa si tratta nello specifico

L’occupazione giovanile è da sempre un tema che richiama grandi attenzioni. D’altronde garantire un futuro adeguato ai nostri giovani è importante per tutti. Per questo il Governo si è mosso in prima persona per cercare di fare qualcosa per cercare di migliorare la situazione.

Finanziamenti personali e aziendali 

Agevolazioni e contributi

Attraverso il decreto Lavoro infatti sono stati varati degli incentivi in favore dell’occupazione giovanile (detti anche bonus NEET). Come si evince dal comunicato stampa diramato dall’Esecutivo, per favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro sono previsti incentivi pari al 60% della retribuzione per un periodo di 12 mesi a favore dei datori che assumono ragazzi al di sotto dei 30 anni.

Bonus assunzioni NEET under 30: come funzionano

Devono però non essere inseriti in programmi formativi e registrati nel PON “Iniziativa Occupazione Giovani”. Non si tratta comunque di una novità assoluta visto che la misura esisteva già negli anni scorsi, seppur in forma diversa. La vera novità è che lo sgravio sarà cumulabile con altri esoneri contributivi nella misura del 100%, per un periodo massimo di 36 mesi e con altri incentivi previsti per legge.

Finanziamenti personali e aziendali 

Agevolazioni e contributi

Inizierà il 31 luglio la prenotazione degli incentivi per le assunzioni giovani NEET under 30 effettuate tra il 1 giugno e il 31 dicembre 2023. A tal proposito l’Inps ha rilasciato la circolare 68 del 21 luglio 2023 con le istruzioni complete a seguito dell’emanazione del decreto attuativo ANPAL 189 2023 con la suddivisione delle risorse.

Nello specifico l’articolo 26 del decreto Lavoro prevede degli incentivi pari al 60% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali per le imprese che assumono i giovani che non ancora compiuto 30 anni. I datori di lavoro privati possono presentare all’Inps la domanda per avere il sostegno cash sopracitato.

Ciò chiaramente è possibile se alla data dell’assunzione il giovane non abbia ancora compiuto 30 anni e se non sia inserito in nessun corso di studio o formazione. Ma chi sono i NEET? Semplice. Sono quei ragazzi ricompresi nella fascia d’età 15-29 anni che non cercano un impiego e non frequentano nessuna scuola o corso di formazione o aggiornamento professionale.

Una situazione in cui versano tanti ragazzi che non hanno ancora ben chiare le idee sul proprio futuro e che magari vorrebbero un po’ di stabilità. Soprattutto coloro che sono più vicini ai 30 anni spesso nutrono quel desiderio di indipendenza dalla famiglia e quella voglia di cavarsela finalmente da soli.

Navigazione articoli

Source

La rete #adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana.
Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[njwa_button id="315"]